La contessa Beatrice di Bylandt (1901)

La contessa Beatrice di Bylandt  (1901)
Giovanni Boldini (Ferrara, 1842 - Parigi, 1931)
Dipinto
olio su tela, cm 55
Situato nella sala: 
Raccolta: LA SCAPIGLIATURA E LA BELLA EPOQUE
Prestiti: 
Il ritratto della contessa Beatrice de Byland, dipinto nel 1901, è il primo dipinto dì Boldini che entra nella collezione di Luigi Frugone. La "bella testa di Boldini" di cui parla Ferruccio Stefani in una lettera, corredata da fotografia, inviata al Frugone da Venezia il 30 giugno 1926, era di proprietà del parigino Alphonse Ory e grazie a Stefani e alla mediazione della signora Campeggi (donna attiva nel mercato artistico) venne acquistata da Luigi Frugone per una cifra intorno alle 40.000 lire. Attraverso le pagine del carteggio tra il gallerista milanese e il Frugone si intuisce che le trattative per l’acquisto del dipinto si protrassero per un certo periodo.
Il ritratto della contessa Beatrice de Byland giunse a Venezia da Parigi il 4 agosto del 1926 e venne consegnato a Luigi Frugone proprio dallo stesso Stefani, il quale, poco tempo dopo, scriverà di aver "finalmente scoperto" che il dipinto, prima di appartenere ad Alphonse Ory, era stato lasciato nello studio del pittore dalla signora ritratta "perché non si riteneva riprodotta abbastanza bella".
Nel ritratto, anche se in piccolo formato, è riconoscibile l’inconfondibile sigla dell’artista, fatta di una pittura veloce a pennellate vibranti di colore, così adatta a restituire lo charme malinconico e sensuale e la naturale eleganza di una protagonista del bel mondo parigino.