Il tessuto nelle Ande centrali

L’ arte tessile è un medium estremamente importante tra le manifestazioni culturali andine.  Le sepolture rinvenute nelle coste desertiche meridionali del Perù e settentrionali del Cile presentano, date le ideali condizioni ambientali per la preservazione, offerte funerarie in materiali organici tra cui corredi con strumenti per la tessitura e magnificenti tessuti dai colori brillanti e dalle soluzioni tecniche e iconografiche estremamente variegate, in cui il defunto è avvolto e accompagnato nella vita dell’aldilà.
I più antichi reperti tessili intrecciati ad ago in fibre vegetali rinvenuti testimoniano che le popolazioni andine avevano cognizioni di filatura e tessitura fin dall’8.000 a.C..
La tecnologia tessile andina si definisce entro l’ Orizzonte antico con intrecci di singoli elementi o vere e proprie tessiture a due elementi in cotone e fibre camelidi tinte con coloranti naturali, eseguite su telai a licci. La tradizione tessile andina è lenta a morire nonostante l’introduzione, dopo la conquista, di tecniche e materiali occidentali, per il profondo significato della tessitura nel contesto andino. Il tessile tradizionale è ed è stato da sempre molto più che mero indumento o decorazione: usato sia in ambito quotidiano che rituale, scandisce le tappe principali della vita umana e dell’individuo, rivela la sua identità etnica, il sesso, l’età e la posizione sociale oltre ad essere veicolo di comunicazione politica e religiosa. 
L’intero apparato ideologico dei discendenti degli Inca che popolano le Ande oggigiorno si tramanda da ieri ad oggi attraverso l’arte di manipolare le fibre con le dita: i tessuti, negli intrecci, nelle fibre e nell’alternanza dei colori, contengono concetti matematici e filosofici alla base dell’ideologia andina.

(Testo e analisi tecniche dei tessuti a cura di Maria Chiara Barontini Didascalie a cura di Cristina Canepa)


DIDASCALIE AREA ESPOSITIVA

Opere nella sala

Frammento di tessuto, III – XIII sec. d.C. (Tiawuanaku)
Corredo funerario
Cotone e fibra camelide, Arazzo
Donazione M. Marini Montesoro, 1957
C.I.C. 68
Fusi, XII – II sec. a.C. (Ancón)
Corredo funerario
Legno intagliato, canna e terracotta
Donazione M. Marini Montesoro, 1957
C.I.C. 29 - 30
Gomitolo,  1250 – 200 a.C. (Ancón)
Corredo funerario
Cotone, frammenti di capelli e fibra camelide
Donazione R.M. Pez, s.d.
C.I.C. 84 a
Gomitolo,  1250 – 200 a.C. (Ancón)
Corredo funerario
Cotone, frammenti di capelli, frammenti di bastoncini di legno
Donazione R.M. Pez, s.d.
C.I.C. 84 d
Matassina,  1250 – 200 a.C. (Ancòn)
Corredo funerario
Cotone, fibra non identificata (fibra vegetale), frammenti di capelli
Donazione R.M. Pez, s.d.
C.I.C. 84 e
Otto tupu (spilloni per manto)
Corredo funerario
Bronzo
Donazione Missioni Cattoliche Americane, 1893 (?)
C.A. 1695
Porta aghi,  XII – II sec. a.C. (Ancón)
Corredo funerario
Osso, fibra vegetale e animale
Donazione M. Marini Montesoro, 1957
C.I.C. 31
Spada per telaio,  XI – XVI sec.d.C. (Chancay)
Corredo funerario
Legno, intaglio
Donazione R.M. Pez, s.d.
C.I.C. 80

Pagine