Luigi Maria D'Albertis

Luigi Maria D’Albertis e la Nuova Guinea
Tra il 1872 ed il 1878 Luigi Maria D’Albertis fece cinque spedizioni in Nuova Guinea, la più remota, inesplorata e selvaggia delle destinazioni, che prometteva incontri con uomini e donne ad un tempo innocenti e brutali secondo l’ideale romantico del tempo.
Luigi Maria D’Albertis è passato alla storia come il primo occidentale a penetrare all’interno della Nuova Guinea e per le notevoli collezioni naturalistiche ed etnologiche accumulate, ma le accuse mossegli, la polemica con l’establishment coloniale, ed i passaggi più cruenti del suo diario di viaggio, non hanno giocato a favore della sua reputazione.
In Nuova Guinea il suo nome è soprattutto ricordato per la spregiudicatezza nei rapporti con gli indigeni.

>> Per saperne di più




DIDASCALIE AREA ESPOSITIVA

DIDASCALIE AREA ESPOSITIVA



Opere nella sala

Collana / 2
Ornamento
Mascella umana inferiore, tre denti, collare in fibra intrecciata
Nuova Guinea, villaggio di Moatta, sulla costa vicino alla foce del fiume Fly. 1a esplorazione del Fiume Fly, 1875
C.D.A.1248, Legato Cap.E.A.D’Albertis, 1932
Contenitore per calce da masticare assieme al betel
Noce di cocco
Nuova Guinea, Fiume Fly. 2a esplorazione del Fiume Fly, 1° viaggio della Neva, 1876
C.D.A.1291, Legato Cap.E.A.D’Albertis, 1932
Forchetta
Utensile
Osso di casuario intagliato
Nuova Guinea, Yule Island. 2a spedizione, con Tomasinelli, 1874-75
C.D.A.1270, Legato Cap.E.A.D’Albertis, 1932
Kilani. Manico per ascia
Legno e fibra vegetale
Nuova Guinea
C.D.A.1269, Legato Cap.E.A.D’Albertis, 1932
Laccio tagliateste
Bambù
Nuova Guinea, Moatta, villaggio della costa, vicino alla foce del Fiume Fly. 1a esplorazione del Fiume Fly, 1875
C.D.A.225, Legato Cap.E.A.D’Albertis, 1932
Ornamento
Ornamento
Piume di casuario fissate a fibra vegetale - Nuova Guinea, Yule Island
L.M. D’Albertis, seconda spedizione, con O. Beccari, con Tomasinelli, 1874-1875
C.D.A.1247, Legato Cap.E.A.D’Albertis, 1932

Pagine