Sala 16

I pesci ossei sono i vertebrati che predominano nelle acque sia marine che dolci. In rapporto con gli ambienti che frequentano e con la vita che conducono, hanno forma molto varia: affusolata, serpentiforme, nastriforme, discoidale, ecc. Alcuni pesci ossei primitivi possiedono scheletro ancora in gran parte cartilagineo, ma il corpo è protetto da elementi ossei dermici, come negli storioni (Acipenser) dell’ordine degli Acipenseriformi, assai conosciuti per essere fornitori del caviale e della colla di pesce. Il curioso ordine dei Mormiriformi comprende specie delle acque dolci africane fra cui il mormiro (Mormyrus kannume) dotato di organi in grado di creare un debole campo elettrico che gli consente di rilevare quanto avviene nell’ambiente circostante. I pesci volanti (Cypselurus), dispiegando le grandi pinne pettorali, balzano fuori dall’acqua dando l’impressione di volare; la rana pescatrice (Lophius piscatorius) utilizza come esca il primo raggio della pinna dorsale modificato in illicio per attirare gli animaletti di cui si nutre; l’abissale e piccolo melanoceto (Melanocetus johnsoni) è capace di inghiottire prede assai più grandi di lui grazie alla straordinaria dilatabilità dello stomaco.

Approfondimento
I Pesci serpentiformi

Gli Anguilliformi si differenziano dagli altri pesci ossei soprattutto per la forma del corpo molto allungata, per la mancanza di pinne ventrali e per le squame rudimentali o del tutto assenti.
L’anguilla (Anguilla anguilla) è il rappresentante più conosciuto di tale ordine, famoso per le migrazioni che compie al momento della deposizione delle uova dalle acque dolci, dove trascorre la maggior parte della propria esistenza, al mare. Lo sviluppo avviene attraverso uno stadio larvale caratterizzato da un corpo trasparente che prende il nome di "leptocefalo" dal quale, dopo la metamorfosi, si originano le forme giovanili. Allo stadio adulto sono animali predatori che si dedicano alla cattura di altri pesci, crostacei e molluschi.

Opere nella sala

Cernia gigante
Raccolta: Pesci, Ciclostomi