Commenda visita

 
Il Museoteatro della Commenda di Prè, un tempo
sulla riva del mare, si sviluppa su tre piani.



PIANO TERRA

Al piano terreno il visitatore si trova nell'antico Ospitale inferiore, una grande sala colonnata con soffitti a volta in cui compaiono, su video alle pareti, i primi personaggi medioevali che narrano le loro storie.

 


 
Frate Guglielmo

I "viandanti" vengono accolti dalla figura, proiettata su una vela, di Frate Guglielmo che presenta l'ordine degli Ospitalieri e dell'Ospitale.
Fu l’uomo che decise la costruzione della Commenda, eretta sulle fondamenta della precedente chiesa dei Canonici del Santo Sepolcro.
Ricopriva la carica di praeceptor, accoglieva i pellegrini, offriva l’acqua per dissetarsi, lavava i piedi e li introduceva nell’edificio.

 
Altri personaggi
 

Proseguendo verso la rampa che porta alla sala di santa Brigida, s'incontrano altri personaggi storici che, da schermi interattivi, raccontano la loro storia.
Tra questi Beniamino da Tudela, il cui diario contribuì alla letteratura geografica; Matthew Parris, il maggior cronachista del XIII sec.; Al-Idrisi, che scrisse testi significativi per le culture araba ed europea.
Leggi di più...

 

 
Sala di Santa Brigida

Dopo la rampa si accede alla Sala Santa Brigida,

antica cappella risalente al 1421, quando i Gerosolimitani concessero lo spazio a una confraternita dedicata al culto di santa Brigida, pellegrina svedese che dedicò la sua vita al servizio dei poveri e al pellegrinaggio.
Decorano la cappella resti di affreschi cinquecenteschi.

 
La cucina, il giardino dei semplici e le nicchie
 
Proseguendo, sempre sul piano terreno, si passa attraverso l'antica cucina e il giardino dei semplici che riproduce un giardino medioevale. Un esempio di classico “orto dei semplici”, con le erbe officinali e tutte le altre piante che venivano utilizzate nei monasteri d’accoglienza: salvia, rosmarino, timo, erba medica, menta, origano, maggiorana, mirto, corbezzolo, lavanda, e anche la vite, l’ulivo, gli ortaggi e gli agrumi necessari al sostentamento della comunità.
PRIMO PIANO
Salone dell'Ospitale o Sala Capitolare
 
La visita prosegue al primo piano dove si trova il grande salone dell'Ospitale Superiore, con due lunghi colonnati in pietra con archi acuti, e soffitti a cassettoni. Questo luogo era riservato un tempo a malati e convalescenti.
All'esterno del salone è collocato il plastico dell'intero complesso della Commenda; da qui si accede al cortile quadrangolare dell'Ordine dei Cavalieri di Malta.
Leggi di più...
I personaggi storici nel salone
 
Lungo le pareti del salone si incontrano nuovi personaggi: Caffaro di Caschifellone,  famoso per i suoi annali;  Benedetto Zaccaria, che visse presso la corte bizantina;    Salah Al-din al-Ayyubi, meglio noto come SaladinoBaliano d’Ibelin, grande feudatario del regno latino d’Oriente; Pietro l’Eremita, che marciò verso la Terra Santa per liberarla;  Ali Ibn Al-Athir, storico delle imprese del Saladino.

 
Scrittoi della Conoscenza

Al centro del salone due postazioni multimediali  dialogano con dei maxischermi. Trasportando nell’epoca digitale l’antico scriptorium monastico, i due tavoli a leggio sono dotati di computer touchscreen che consentono al visitatore di interagire liberamente, scoprendo numerosi e importanti contenuti storici.
Leggi di più...
SECONDO PIANO

Uffici del Commendatario

Il secondo e ultimo piano si articola in una serie di sale e spazi con affreschi cinquecenteschi. Qui vengono ospitate esposizioni  temporanee d'arte, eventi, incontri culturali, cocktail e cene di gala.
Leggi di più...

 


























,