Curiosità

L’ACQUA nel parco è utilizzata per trasmettere stati d’animo ed emozioni e infatti è la protagonista indiscussa di ogni atto del racconto.
La si trova contenuta nell’elegante fontana del Viale Classico, sotto forma di cascata e lago nella scena 'orrida' del Lago Vecchio e del romitaggio.
Alla Sorgente si trova l’acqua della rinascita mentre al Lago Grande rappresenta la beatitudine del paradiso empireo.
Da non perdere sono i giochi d’acqua del Labirinto, del chiosco delle rose e dell’isola del Lago Grande, attivi il sabato e la domenica.


Le PIANTE del parco: tantissime sono le specie botaniche, molte delle quali sono state impiantate nella seconda metà dell’Ottocento.
In particolare il primo e il terzo atto del racconto sono popolati da piante alloctone ed esotiche che al tempo del marchese rappresentavano vere rarità. In particolare visitate l’oasi mediterranea popolata da piante succulente e palmizi e dopo il
famoso viale delle camelie composto da straordinari individui arborei di Camellia japonica.
Il secondo atto del racconto si sviluppa invece in un bosco mediterraneo caratterizzato dalla presenza di Quercus ilex, Quercus pubescens, Quercus cerris, Quercus rubra, Pinus pinea, Pinus nigra, Pinus halepensis, Pinus pinaster, Arbutus unedo, Viburnum tinus, Cistus spp, Cytisus villosus ed Erica arborea.



Specie botaniche