Il Museo della Lanterna

Le fortificazioni sabaude ospitano il Museo della Lanterna.

Questi bastioni in realtà non difendevano la Lanterna, ma la Porta Nuova, costruita nel 1827, attraverso cui si accedeva a Genova da Ponente. All’interno di queste fortificazioni si trovano le quattro sale dei “fucilieri”, una “galleria” e le tre sale dei “cannoni”.
Le Fortificazioni, per la loro qualità architettonica ed il fascino degli interni, sono oggi innanzitutto un museo di se stesse; al loro interno è stato allestito un museo un po’ anomalo: non contiene oggetti, come di solito avviene nei musei, ma “storie”: racconti e testimonianze su Genova e la sua provincia, vista attraverso la storia, l’arte , il territorio, la cultura materiale, i personaggi, le tradizioni.
Otto ore di filmati “pillola”, gestiti da computers che consentono una programmazione sempre nuova sugli oltre quaranta schermi distribuiti nelle varie sale.
Il visitatore si trova di fronte ad un gigantesco “spot” su Genova e sul territorio circostante, formato però di un grande numero di tasselli sempre variabili che gli consentono di ricostruire un’idea personale di Genova e provincia, invitandolo a visitare di persona quanto ha visto sugli schermi.