Il restauro

Dopo gli interventi del 1992 dal 2009 ad oggi, il Comune ha messo in atto una nuova campagna di restauri che ha visto impegnati in sommatoria circa 4 milioni di euro. Gli interventi, progettati dallo Studio Ghigino&associati architetti, si sono concentrati sul recupero dei giardini di Flora compreso il tempietto neoclassico, sulle architetture del lago Grande ossia Obelisco Egizio, Chiosco Turco, pagoda Cinese, Ponte Romano e sulla parte alta del parco. In questa zona, ormai chiusa al pubblico da oltre sessant’anni, si sono effettuati interventi massicci per la regimentazione delle acque superficiali, il consolidamento dei versanti e il recupero del bosco mediterraneo, oltre al restauro del Castello del capitano e del Mausoleo, oggetti importantissimi che l’incuria e il vandalismo avevano portato al limite del collasso. Salvate queste architettute resterà per il futuro un nuovo lavoro per ricostruire le varie capanne rustiche e restaurare i giochi del parco dei divertimenti.