Dipendenze e parco

Varcato l’ingresso principale del parco all’inizio della via Capolungo, un arcone sormontato da alcune sculture del secondo Settecento, a sinistra si trova l’antica cappella gentilizia, che ancora conserva all’interno una decorazione a stucchi monocromi settecenteschi con l’arma della famiglia Serra, riprodotta, tra gli artigli di un grifo, anche sulla cancellata di cinta del parco.
Di particolare qualità il pavimento in ardesia e marmo dall’articolato disegno risalente al XVIII secolo; alla stessa epoca sono da riferirsi la balaustra e l’altare in marmi policromi. La pala raffigurante la Madonna col Bambino e, da destra, Sant’Orsola, San Sebastiano, San Giovanni Battista e un quarto santo non identificabile, è stata restaurata nel 2004, è di ambito genovese del XVIII secolo e ascrivibile al XVIII secolo.
Proseguendo a sinistra della cappella, addossate al muro di cinta del parco, di fronte alla zona giochi per bambini, si trovano la nuova costruzione della caffetteria-ristorante e le restaurate scuderie ottocentesche, decorate da semplici ed eleganti volute e caratterizzate da archi ribassati che introducono ai vari spazi, in parte destinati ad ospitare le attività didattiche artistico-ambientali per il pubblico infantile e adulto.
Da segnalare due splendidi e monumentali esemplari di palme, due iubae chilenses situate all’ingresso delle scuderie.
  • Parchi di Nervi
  • Cappella
  • Veduta delle scuderie e delle iubea chilenses
  • Giardino
  • Boschetto con giochi di acqua
  • Parchi