Il Capitano D'Albertis

Il Capitano D’Albertis (1846-1932), viaggiatore, scrittore, spirito avventuroso e curioso che ha attraversato la storia di mezzo secolo della città legando la propria vita al mare e ai viaggi, si è inserito in modo esemplare nella vicenda culturale e scientifica della Genova di fine ’800.
Dalla Marina Militare passa alla Marina Mercantile per dedicarsi a tempo pieno alla navigazione da diporto e fonda il primo Yacht Club Italiano (1879). A bordo del “Violante” e del “Corsaro”, i suoi due cutter, viaggia solcando dapprima il Mediterraneo e l’Atlantico, per seguire la rotta di Colombo fino a San Salvador. 
Frequentando il Marchese Giacomo Doria, fondatore del Museo di Storia Naturale cittadino, cerca di rendersi utile alla ricerca e durante i suoi viaggi esegue analisi dei mari, dei pesci e delle piante in cui si imbatte.
Compie tre giri del mondo e il periplo dell’Africa, utilizzando i più svariati mezzi di trasporto, dalla nave al cavallo, dal treno al cammello, dalle barche a vela agli idrovolanti.
Costruisce oltre 100 orologi solari in tutto il mondo (di cui 10 al castello), scatta migliaia di foto, raccoglie armi, cannoni e alabarde.

Per la Bibliografia del Capitano clicca qui

 

  • Capitano D'Albertis - foto d'epoca
  • Il Capitano D'Albertis e Gabriele D'Annnunzio
  • Il capitano con la statua di C. Colombo Giovinetto
  • Il Capitano in abiti turchi
  • Il Capitano al timone
  • 5 marzo 1932, Funerale del Capitano D'Albertis