Bruno Munari "Macchina inutile", 1945 - 1980

Macchina inutile

Clicca qui per visualizzare l'immagine

Vai al focus:
Autore/ Manifattura/ Epoca:

Bruno Munari (Milano, 1907 - 1998)

Tecnica e misure:

Alluminio anodizzato, serigrafia, nylon, 140 x 45 cm

Collocazione:

In esposizione (n. inv. 717)

Tipologia:

Installazione; Scultura

 

Bruno Munari (Milano, 1907 – 1998) partecipa giovanissimo al Movimento Futurista per poi avvicinarsi all’ambiente della galleria milanese Il Milione, dove a metà degli anni ‘30 stava nascendo l’Arte Astratta Italiana e successivamente nel 1948 al  MAC- Movimento Arte Concreta che dell’astrattismo riprendeva alcuni orientamenti ripensandoli alla luce del nuovo contesto storico.

Grande sperimentatore, anche in direzione delle arti applicate, Munari incomincia a realizzare le prime Macchine dal 1933 e in 15 anni ne progetta 93 utilizzando tecniche derivate dalla produzione industriale di prodotti seriali. Le prime opere hanno titoli allusivi (Macchine sensibiliRespiro di macchina) che si trasformano poi ironicamente in Macchine Inutili a sottolineare la pura e unica funzione estetica slegata da qualsiasi funzionalità e efficienza.

Le sculture sono composte da forme geometriche elementari di materiali leggeri (nelle opere in collezione sono stati utilizzati bastoncini in legno di balsa e lastre di alluminio anodizzato) dipinte su entrambe le facce con colori diversi in modo da sottolineare l’instabilità anche percettiva delle opere che si agitano nello spazio con movimenti autonomi, sensibili a qualsiasi più piccolo cambiamento dell’ambiente dove sono ospitate.

«Personalmente pensavo che sarebbe stato interessante liberare le forme astratte dalla staticità del dipinto e sospenderle in aria, collegate tra loro in modo che vivessero con noi nel nostro ambiente, sensibili alla atmosfera vera della realtà».