Teramo Danieli e Simone Caldera "Arca processionale delle ceneri di San Giovanni Battista"

Arca processionale del Corpus Domini

Clicca qui per visualizzare l'immagine

Autore/ Manifattura/ Epoca:

Teramo Danieli e Simone Caldera, attivi a Genova intorno al 1438-1445

Tecnica e misure:

Argento e argento dorato, smalti policromi, 88 x 129 x 80 cm

Collocazione:

Museo del Tesoro della Cattedrale di San Lorenzo

Provenienza:

Mira, 1098

Tipologia:

Scultura

 

L'arca nasce allo scopo di portare in processione le ceneri di San Giovanni Battista, patrono di Genova, in occasione della sua festa (24 giugno), rito che si perpetua ancora oggi. Tali reliquie, conservate in cattedrale dentro l'altare della cappella del Santo, sono state recuperate dai genovesi dalla città di Mira nel 1098, al tempo della prima Crociata. L'arca venne commissionata dai priori della cappella del Battista e realizzata tra il 1438 e il 1445 dal ligure Teramo Danieli, al quale si attribuisce il disegno complessivo, cui subentrò il ligure Simone Caldera, in precedenza attivo a Siena data la sua cultura artistica di livello internazionale. La forma dell'arca ripropone quella di una cattedrale in miniatura, sormontata da guglie e pinnacoli fittamente decorati. Ai quattro angoli due evangelisti: San Giovanni e San Matteo e due santi protettori della città: San Giorgio e San Lorenzo. Nella parte centrale è narrata la storia del precursore nei dieci episodi più salienti, dall’annuncio della sua nascita alla sepoltura dopo il martirio.