Globi celesti, 1688

Globi celesti, 1688

Clicca qui per visualizzare l'immagine

Vai al focus:
Collocazione:

Primo piano, sala 11 (n. inv. 3295, 3296)

Tipologia:

Ambiente; Strumenti

 

L'uso dei globi celesti rispondeva a due ordini di problemi: l'ausilio alla navigazione e la didattica dell'astronomia. Con i globi olandesi del XVII secolo la sfera celeste diviene occasione di “spettacolo” più che di erudizione. Sulla base della posizione delle stelle, ordinate secondo le diverse grandezze, si dispongono le costellazioni rappresentate con disegni mitologici: dal guerriero Orione, alle due Orse, alla Balena, al Toro; il globo diventa così “teatro del cielo”. Qui le stelle vengono indicate in latino, in greco e in arabo: un tributo alla lingua madre dell’astronomia.