Giovanni Segantini "Gli Amanti"

 Giovanni Segantini "Gli Amanti"

Clicca qui per visualizzare l'immagine

Vai al focus:
Autore/ Manifattura/ Epoca:

Giovanni Segantini (Arco, 1858 - monte Schafberg, 1899)

Tecnica e misure:

Carboncino su tela, 180 x 130 cm

Collocazione:

Piano terra, Sala Simbolisti (n. inv. GAM 1562)

Provenienza:

Legato di Luigi Frugone, 1953

Tipologia:

Disegno

 

La tela presenta un abbozzo, in carboncino, di due Amanti realizzati da Giovanni Segantini e formalmente legati a due simili giovani presenti nel noto dipinto del 1896, L'amore alla fonte della vita (Milano, Galleria d'Arte Moderna).

“L’amore giocoso e spensierato della femmina, e l’amore pensoso del maschio allacciati assieme dall’impulso naturale della giovinezza e della primavera”, secondo quanto scrisse lo stesso Segantini nel 1896. Lontani, in apparenza, dalle modalità espressive e dalle esuberanti cromie del pittore proprio perché non terminato, le due figure vennero forse realizzate per il dipinto simbolista Il Paradiso terrestre, rimasto interrotto con l'improvvisa morte dell’artista. Intitolato Adamo ed Eva e datato tra 1896 e 1899, presenta le due figure, dai morbidi e fluenti volumi, secondo modi vicini al classicismo.

Al museo è inoltre conservato un bel carboncino di Segantini, il Pastore addormentato del 1893 circa, proveniente dalla collezione del famoso direttore d'orchestra Arturo Toscanini che lo acquistò durante una vendita di opere appartenenti al pittore Vittore Grubicy De Dragon, che, con il fratello Alberto, era stato il mercato di riferimento dei divisionisti italiani.