Cristo deriso

Cristo deriso

Clicca qui per visualizzare l'immagine

Vai al focus:
Autore/ Manifattura/ Epoca:

Gioacchino Assereto (Genova, 1600-1649)

Tecnica e misure:

Olio su tela, 181 x 144 cm

Collocazione:

Genova, Musei di Strada Nuova - Palazzo Bianco, (n. inv. PB 2667)

Provenienza:

Dal 1966 nelle collezioni per acquisto da M. Martinetti

 

La composizione densa, ma non soffocata, meno lacerata rispetto ad altre opere di Assereto, pone al centro la figura di Cristo (grandiosa nelle proporzioni, ma classicamente elegante nella positura del corpo dalle morbide carni permeate di luce) attorniata da carnefici brutali e nerboruti, dalla quale emana, soprattutto nell’espressione vibrante di dolore del viso, un'emotività sofferente, ma contenuta.
Databile alla fine del 1620, e acquistato nel 1966, il dipinto dell’autore genovese appare permeato di cultura lombarda, ma sembra stimolato anche dalla lezione di Giulio Cesare Procaccini e risente dello studio di opere di Van Dyck presenti a Genova.