Ritratto di giovane di casa Spinola

Ritratto di giovane di casa Spinola

Clicca qui per visualizzare l'immagine

Vai al focus:
Autore/ Manifattura/ Epoca:

Antoon Van Dyck (Anversa, 1599 - Londra, 1641)

Tecnica e misure:

Olio su tela, 241 x 170,5 cm

Collocazione:

Genova, Musei di Strada Nuova - Palazzo Rosso (n. inv. PR 115)

Provenienza:

Dal 1874 nelle collezioni per donazione di Maria Brignole - Sale De Ferrari, duchessa di Galliera

 

L’opera fu acquistata da Gio.Francesco II Brignole - Sale dalla famiglia Lercari nel 1728 e, come si può dedurre dallo stemma sul plinto della colonna, l’effigiato era un membro della famiglia Spinola.
Questo Ritratto di giovane di casa Spinola è uno dei primi ritratti eseguiti dal pittore a Genova, e ancora marcata è l’influenza di Rubens, suo primo importante maestro ad Anversa: in questa chiave è da leggersi anche la scelta di segnare la quinta architettonica di sfondo con una colonna tortile. 
In tempi recenti, autorevoli studiosi, proprio in ragione della presenza di tale colonna, hanno addirittura messo in dubbio la tradizionale attribuzione, in favore di quella a Peter Paul Rubens. La recentissima pulitura, tuttavia, ha rivelato una costruzione non rubensiana del dipinto e caratteri compositivi coerenti con quanto si è potuto osservare negli altri dipinti vandyckiani genovesi, restaurati in occasione della mostra del 1997 "Van Dyck a Genova. Grande pittura e collezionismo".